Legambiente: ” Beltrami non è il grado di rappresentare il Parco del Ticino”

Milano, 21 settembre 2015 Comunicato stampa

Vigevano-Malpensa

Per Legambiente la nuova superstrada nei parchi è un progetto che spreca risorse pubbliche e danneggia il territorio rurale

L'associazione all'attacco del Presidente del Parco del Ticino "Beltrami non è in grado di rappresentare l'ente, per questo chiediamo le sue dimissioni"

Sulla superstrada Vigevano-Malpensa, approvata dal CIPE la scorsa estate nell'ambito del contratto ANAS, scende in campo Legambiente promettendo battaglia contro l'ecomostro: "Si tratta di un progetto che sacrifica inutilmente suoli agricoli tra i più pregiati, compromettendo le connessioni ecologiche tra Parco del Ticino e Parco Sud, per conseguire una prestazione viabilistica che potrebbe essere ottenuta con interventi sulla viabilità già esistente, spendendo molto meno e riducendo i danni imposti al territorio - afferma Marzio Marzorati, responsabile parchi di Legambiente Lombardia - per noi la superstrada era e resta inaccettabile e la contrasteremo con tutte le nostre energie. Nell'anno di Expo questa colata di cemento sulle aree agricole è una contraddizione palese di quale dovrebbe essere lo sviluppo territoriale ed economico della nostra regione".

Legambiente non è tenera neanche con le esternazioni del presidente del Parco del Ticino, il quale, pur a fronte di una decisione chiara, assunta a unanimità dal Consiglio di Gestione dell'ente da lui presieduto, continua nelle sue esternazioni a tenere la porta spalancata all'ecomostro. "Beltrami dimostra di non essere in grado di rappresentare gli interessi del Parco e del territorio e quindi è inadeguato a ricoprire questo ruolo. Per il bene del Parco del Ticino chiediamo un presidente che abbia le adeguate competenze e attitudini per difendere l'area protetta più importante e prestigiosa della Lombardia".

L'ufficio stampa Legambiente Lombardia 02 87386480 - 3939283998

22. settembre 2015 by notangenziale
Categories: Oltre la strada, Sulla strada | Leave a comment