Lombardia, vincono i signori del cemento: sì a nuove costruzioni, vincoli solo fra tre anni

Intesa nella maggioranza di centrodestra per la legge sul consumo del suolo. La nuova versione recepisce le ragioni dei costruttori: stop esclusivamente sui terreni agricoli, niente limiti volumetrici

Restrizioni non più retroattive, tre anni di tempo per Comuni e costruttori per adottare le nuove regole e approvare i progetti attuativi e vincoli solo sui terreni agricoli sui quali non siano ancora previste destinazioni edificatorie. L’accordo raggiunto a fatica nella maggioranza di centrodestra al Pirellone sulla nuova legge sul consumo del suolo, a prima vista, appare una netta vittoria della lobby dei costruttori, che avevano alzato le barricate contro l’iniziale testo molto restrittivo portato in giunta dall’assessore regionale all’Urbanistica e territorio, Viviana Beccalossi (Fratelli d’Italia), nell’ormai lontano febbraio di quest’anno.

Un compromesso raggiunto dopo mesi di liti, veti incrociati, che per l’immediato dovrebbe impedire esclusivamente nuove varianti per cambiare la destinazione d’uso dei terreni attualmente agricoli. Ma solo per il futuro. I fautori del nuovo testo spiegano che si è voluta evitare una pioggia di ricorsi e contenziosi con le imprese di costruzione se fosse stato approvato il vecchio progetto di legge, che di fatto stabiliva il blocco totale al consumo di nuovo suolo sul territorio lombardo. Un divieto che a questo punto dovrebbe scattare fra tre anni. Nel frattempo, da un lato i Comuni dovranno adeguarsi alle nuove regole senza dover riapprovare i loro Pgt. Mentre le imprese di costruzione potranno verificare se i loro progetti già previsti saranno ancora in linea con la domanda di abitazioni e nuovi edifici.

Entro un anno, inoltre, la Regione approverà il nuovo Piano territoriale regionale che conterrà le nuove regole nel dettaglio. La nuova legge sul consumo del suolo non dovrebbe più contenere i limiti volumetrici che erano previsti nel primo testo approvato dalla giunta, per sostituirli con «criteri» che definiranno di volta in volta il concetto di consumo di suolo. Determinante per raggiungere il nuovo accordo è la mediazione di Forza Italia e Nuovo centrodestra, visto che finora erano stati presentati ben quattro progetti di legge differenti. Non è difficile immaginare, però, la delusione delle associazioni ambientaliste. Ora il nuovo testo dovrà iniziare l’iter per l’approvazione in commissione Territorio prima di approdare in consiglio regionale a metà novembre.

di Andrea Montanari
fonte: repubblica.it

23. ottobre 2014 by notangenziale
Categories: Oltre la strada | Leave a comment